martedì 30 luglio 2013

A Venezia come Robert Langdon

Come vi ho anticipato nell’ultimo post, sono stata a Venezia per ripercorrere l’itinerario descritto da Dan Brown nel suo ultimo libro Inferno.
Sono arrivata in treno e subito ho riconosciuto la Chiesa di fronte all’edificio ferroviario che è citata nel volume:…ad un passo, al di là del canale, la caratteristica cupola verderame di San Simeon Piccolo si stagliava nel cielo…il pronao con colonne marmoree si rifà chiaramente all’ingresso del Pantheon di Roma” (pag. 338).
Chiesa_San_Simeon_Piccolo_Venezia_inferno_dan_brown_langdon

Il protagonista di Inferno, Robert Langdon, arriva a Venezia con l’esigenza di raggiungere al più presto Piazza San Marco. Quindi, suo malgrado, è costretto ad optare per un trasporto rapido:I vaporetti erano notoriamente lenti e il taxi era di certo un’opzione più veloce” (pag. 339).
Vaporetto_Venezia_inferno_dan_brown_langdon
I vaporetti sono effettivamente lenti, ma la traversata della laguna è davvero piacevole, con un susseguirsi di siti culturali incantevoli, molti dei quali citati da Dan Brown:Davanti a loro si ergeva il famoso ponte di Rialto, il punto che segna la metà del tragitto verso Piazza San Marco” (pag. 344).
ponte_rialto_venezia_inferno_dan_brown_langdon
Le numerose gondole davanti la piazza catturano l’attenzione di Robert Langdon:Nelle acque agitate, quegli scafi snelli lunghi quasi dodici metri e pesanti circa trecentocinquanta chili sembravano piuttosto stabili” (pag. 346)
gondole_venezia_inferno_dan_brown_langdon
insieme al “… campanile di mattoni rossi di San Marco, in cima al quale un dorato arcangelo Gabriele guardava in basso dalla vertiginosa altezza di novantotto metri” (pagg. 346-347)
piazza_san_marco_venezia_inferno_dan_brown_langdon
campanile_san_marco_venezia_inferno_dan_brown_langdon
e, più avanti, al Ponte dei Sospiri “Langdon si voltò a guardare lo stretto corso d’acqua e il passaggio coperto e decorato… quel passaggio coperto era servito da collegamento tra Palazzo Ducale e le prigioni, dove i detenuti languivano…” (pag. 349).
ponte_sospiri_venezia_inferno_dan_brown_langdon
Poi finalmente Robert Langdon e Sienna scendono a Piazza San Marco e proseguono a piedi. Troverete le foto del loro percorso nel prossimo post

5 commenti:

  1. bellissimo post e fantastiche foto per un luogo immortale!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mimma, non c'è definizione migliore per Venezia!

      Elimina
  2. bellissimi scatti wow! Venezia non delude mai! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Manuela, infatti per me è sempre un'emozione tornare a Venezia...

      Elimina